Powered by
Contattaci
Ospitalità
Tempo libero
DA VISITARE
firenze roma venezia
LE MIGLIORI PROPOSTE PER MILANO
Monumenti e Musei di Milano
Alfa Romeo
Viale Alfa Romeo

nei 6 piani di esposizione ad Arese si trova la storia di 90 anni di produzione di auto.
Visualizza mappa
Basilica di Sant'Ambrogio
Piazza Sant'Ambrogio, 15

Edificata tra il 379 e il 386 per volere del vescovo di Milano Ambrogio, fu costruita in una zona in cui erano stati sepolti i cristiani martirizzati dalle persecuzioni romane. Per questo venne dedicata ai martiri ed era chiamata Basilica Martyrum: lo stesso Ambrogio voleva riporvi tutte le reliquie dei santi martiri Satiro, Vittore, Nabore, Vitale, Felice, Valeria, Gervasio e Protasio. Sant'Ambrogio stesso vi venne sepolto e da allora cambiò nome, assumendo quello attuale.
Visualizza mappa
Castello Sforzesco
Piazza Castello

Il Castello Sforzesco fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione risalente al XIV secolo.
Visualizza mappa
Cenacolo Vinciano
Piazza S. Maria delle Grazie, 2

E' il più famoso dipinto di Leonardo da Vinci,oggi completamente restaurato dopo un complesso intervento durato venti anni che lo ha salvato dalla progressiva degenerazione.
Visualizza mappa
Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Via Giuseppe Antonio Sassi, 1

Nel 1463 il duca di Milano Francesco I Sforza fece costruire un convento domenicano ed una chiesa nel luogo dove si trovava una piccola cappella dedicata a Santa Maria delle Grazie. L'architetto fu Guiniforte Solari, il convento fu completato nel 1469 mentre per la chiesa fu necessario attendere il 1482. Altri cambiamenti furono eseguiti quando, salito al potere, Ludovico il Moro decise di cambiare il chiostro grande e l'abside della chiesa. La costruzione fu terminata intorno al 1490.
Visualizza mappa
chiesa e convento domenicano di Santa Maria delle grazie e "cencolo" di leonardo Da Vinci


Il refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie è parte integrante di questo complesso architettonico , iniziato a Milano nel 1463 e modificato alla fine del 15 ° secolo dal Bramante. Sulla parete nord è L'ultima cena, Il capolavoro ineguagliabile dipinto tra il 1495 e il 1497 da Leonardo da Vinci , il cui lavoro è stato quello di inaugurare una nuova era nella storia dell'arte. Parte dei sito italiani dell'Unesco
Visualizza mappa
Collezione de' Micheli
Via Mozart 14

La collezione comprende oltre 130 capolavori del XVIII secolo raccolti con passione dall'imprenditore milanese Alighiero de' Micheli. Dipinti (Canaletto e Tiepolo), splendidi mobili francesi, ceramiche lombarde, porcellane cinesi e rare miniature di Jean Baptiste Isabey, lasciati in eredità al FAI, contribuiscono a creare un insieme di grande armonia. La collezione, in un allestimento curato dall'architetto Filippo Perego che rispecchia il gusto della collocazione originaria, è custodita all'interno di Casa Necchi Campiglio, la straordinaria casa progettata dall'architetto Piero Portaluppi nel 1932 e recentemente donata al FAI.
Visualizza mappa
Duomo di Milano
Piazza del Duomo

Il Duomo di Milano, monumento simbolo del capoluogo lombardo, è dedicato a Santa Maria Nascente ed è situato nell'omonima piazza nel centro della città. È una tra le più celebri e complesse costruzioni gotiche del mondo.
Visualizza mappa
Kartell


Il Museo Kartell nasce nel 1999 per celebrare i cinquant'anni di attività di Kartell. Le quasi mille icone presenti all'interno del museo raccontano la storia e l'identità dell'azienda basata sul connubio tra plastica e design, innovazione e creatività, funzionalità e glamour.
Lo spazio museale si estende per circa 2000 mq attraverso un percorso espositivo ideato per offrire al pubblico più diversificato l'opportunità di una lettura immediata.
Visualizza mappa
MaGa Museo arte gallarate
Via De Magri, 1

Le collezioni del MAGA, costituite da più di 5.000 opere tra dipinti, sculture, disegni, installazioni, ceramiche, libri d’artista, opere multimediali, fotografie, oggetti di design e opere di grafica, offrono ai visitatori un ricco ed articolato panorama degli orientamenti che hanno animato la scena artistica nazionale dalla metà del Novecento ai giorni nostri. Numerose sono le opere donate dal Premio Gallarate e dagli artisti, altre concesse in deposito temporaneo da collezionisti privati. Il MAGA promuove la produzione e l’acquisizione di opere di giovani artisti realizzate appositamente per il Museo in occasione di mostre ad essi dedicate. Le opere della collezione permanente testimoniano le espressioni degli ultimi esiti del Novecento italiano, l’arte figurativa del secondo dopoguerra, l’influenza dell’astrattismo sulla figurazione pittorica e scultorea, il naturalismo astratto, il neonaturalismo padano, l’astrattismo e il concretismo, l’arte cinetica e tecnologica, l’arte ambientale, l’arte informale, l’arte concettuale, la “pittura-pittura”, la transavanguardia, il post-moderno, i “nuovi-nuovi”, gli anacronisti e la pittura colta, il nuovo realismo, il nuovo futurismo, l’astrazione ridefinita, l’astrazione povera, l’arte multimediale, i nuovissimi linguaggi e il design italiano. Tra i principali artisti presenti in collezione, le cui opere sono fruibili al pubblico nelle sale espositive, troviamo Carrà, Sironi, Del Bon, De Rocchi, Guttuso, Treccani, Morlotti, Santomaso, Ajmone, Tavernari, Afro, Soldati, Veronesi, Prampolini, Munari, Arnaldo e Gio Pomodoro, Melotti, Fontana, Bonalumi, Vedova, Colombo, Dadamaino, Varisco, Gilardi, Studio Azzurro, Mauri, fino ai giovanissimi, ma già rinomati, Cecchini, Borghi, Calignano, Moro, Paci, Vitone, Mocellin e Pellegrini e alle recenti acquisizioni delle opere video di Marcel.lì Antunez Roca, Bianco-Valente e Alice Cattaneo. Una ricca collezione di opere di grafica costituitasi a partire dalla VI edizione del Premio Gallarate nel 1957 e ampliatasi negli anni fino a comprendere 1711 beni, testimonia la libertà e la ricerca espressiva dei principali artisti del Novecento attraverso la sperimentazione di tecniche diverse. Nel 1989 viene istituita la Commissione Design per costituire una sezione di oggetti di design italiano dagli anni Cinquanta agli anni Novanta per creare confronti, dialoghi, approfondimenti e suggestioni tra le opere d’arte della collezione e gli oggetti di produzione industriale. Con la XVII Edizione del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate “Il design degli oggetti” del 1993 vengono acquisiti oggetti dei principali designer come Zanuso, Pozzi, Sapper, Munari, Mari, Colombo, Ponti, Sottsass, Ferrieri. Il MAGA possiede inoltre gli archivi del MAC del Madì, della Mail Art e del Premio Gallarate Anche le mostre temporanee sono state motivo di aggiornamento della già importante collezione permanente, nella convinzione che il cuore del museo sia sempre da sostenere anche con l’aiuto di grandi collezioni private: a questo proposito si ricorda che 38 opere provenienti dalla collezione di Paolo Consolandi ( tra cui opere di Fontana, Manzoni, Castellani, Fabro, Anselmo etc) sono state concesse in deposito al MAGA fino a giugno 2012. Sono state recentemente concesse in comodato, fino a giugno 2012, anche due opere di Sam Moyer provenienti da una collezione privata.
Visualizza mappa
Museo Bagatti Valsecchi
Via Santo Spirito 10

Il Museo Bagatti Valsecchi è una dimora storica ubicata nel cuore del quartiere Montenapoleone, al centro di Milano. È fra le più importanti e meglio conservate case museo d'Europa e fa parte da ottobre 2008 del circuito "Case Museo di Milano".
Visualizza mappa
Museo del 900
Piazza dell'Arengario

Il museo vuole proporsi come istituto culturale d'eccellenza per la ricerca, la comprensione e l'approfondimento dei fenomeni artistici, delle forme e dei linguaggi del secolo appena concluso.
Visualizza mappa
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni, 12

Il Museo Poldi Pezzoli è una casa museo situata nel centro di Milano a pochi passi dal Teatro alla Scala, in Via Manzoni 12. Fa parte del circuito delle "Case Museo di Milano".
Il museo espone opere di: Sandro Botticelli, Antonio Pollaiolo, Giovanni Bellini, Michelangelo Buonarroti, Gaudenzio Ferrari, Filippo Lippi, Andrea Mantegna, Jacopo Palma il Vecchio, Bernardo Cavallino, Giovanni Battista Tiepolo, Lorenzo Bartolini, ecc.
Visualizza mappa
Villa Necchi Campiglio
Via Mozart 14

Costruita tra il 1932 e il 1935 dall'architetto milanese Piero Portaluppi e aggiornata in seguito dal collega Tommaso Buzzi, Villa Necchi Campiglio è una sontuosa villa unifamiliare collocata nel cuore della città, circondata da un ampio giardino e corredata da tennis e piscina.
Edificio-chiave dell'opera del Portaluppi, la dimora di via Mozart sancisce l'ingresso del razionalismo nell'architettura cittadina esprimendo, nello stesso tempo, l'estrosa fantasia creativa del progettista e il persistere di elementi del precedente gusto Déco.
Visualizza mappa
Villa San Carlo Borromeo
piazza Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa 16

Il Museo della Villa San Carlo Borromeo, oggi sede di mostre d'arte provenienti da tutto il mondo, continua e coltiva la tradizione artistica e culturale del cardinale Federico Borromeo, facendo vivere con seminari e conferenze le sale che ospitano una collezione permanente di grandi maestri del Novecento: artisti italiani e europei, celebri maestri russi, tra cui Michail Anikushin, Andrej Lyssenko, Ely Bielutin, Josif Gurwi?, Grigorij Zejtlin, Alekseij Lazykin.
Visualizza mappa


Zucca in Galleria
Galleria Vittorio Emanuele angolo Piazza duomo

Dal 1867 i più grandi rappresentanti dell'arte e della cultura si sono dati appuntamento in questo storico locale vicino piazza del Duomo.
Visualizza mappa



Profilo Facebook di Italy Guide
GLI APPUNTAMENTI DI MILANO
     
  Errore eseguendo la query